ATTO DI FEDE venerdì 26: ore 18:30 sabato 27, domenica 28: ore 21:15 #AttoDiFede

 

ATTO DI FEDE

 

Atto di fede, film diretto da Roxann Dawson, è la storia del quattordicenne John (Marcel Ruiz), che durante una mattina di inverno cade nel lago ghiacciato di St. Louis, nel Missouri, annegando. La rianimazione cardiopolmonare, praticata per quasi mezz'ora, non porta a nessun risultato e il ragazzo viene dichiarato morto.

La sua famiglia è in preda alla disperazione, ma sua madre, Joyce Smith (Chrissy Metz), non è ancora pronta a perdere suo figlio e, seduta ai piedi del suo capezzale, inizia a pregare ad alta voce. Tutta la sua fede riuscirà a salvarlo e inspiegabilmente - nonché miracolosamente - il cuore di John riprenderà a battere.

Ma dopo essere morto per un'ora è possibile che il giovane sia ancora vivo?

 

Genere: Drammatico

 

Regia: Roxann Dawson

 

Attori: Chrissy Metz, Topher Grace, Josh Lucas, Mike Colter, Dennis Haysbert, Sam Trammell, Lisa Durupt, Rebecca Staab, Ali Skovbye, Victor Zinck Jr., Marcel Ruiz

 

Durata: 116 min

 

CRITICA: da una storia vera, l'elogio della fede incrollabile e combattiva di una madre al capezzale del figlio.

In un giorno d'inverno del 2015, l'adolescente John Smith, figlio adottivo di Joyce e Brian, cade nelle acque di un lago di St. Louis, in Missouri, a causa dell'improvvisa rottura della superficie ghiacciata. Quindici minuti dopo viene estratto ancora in vita dai soccorritori, ma una volta giunto in ospedale non risponde ad alcun tentativo di rianimazione. A un passo dalla morte, però, mentre i medici stanno per arrendersi, John ritorna incredibilmente in vita. Per la madre Joyce, rimasta a fianco del figlio senza mai smettere di pregare, si tratta di un miracolo, e così la pensano anche gli uomini e le donne della piccola comunità in cui gli Smith vivono.

«Spesso nei film i ritratti delle persone di fede sono poco credibili e poco accurati. Roxanne Dawson, invece, ha fatto un grande lavoro nel provare a darne un ritratto il più equilibrato possibile, accettando in essi contraddizioni e lati oscuri. Per questo penso che Atto di fede cambierà l'idea del pubblico su chi sono e cosa fanno le persone credenti in America». 

DeVon Franklin

Il primo film distribuito dalla Walt Disney attraverso la neo acquisita 20th Century Fox, è un christian movie - nome che negli Stati Uniti viene dato alle produzioni a tematica religiosa improntate a una diffusione su larga scala del messaggio cristiano - ispirato a un fatto realmente accaduto. Grant Nieporte, già sceneggiatore di Sette anime di Muccino, ha adattato il libro 'The Impossibl'e, con cui Joyce Smith, affiancata dalla editor Ginger Kolbaba, ha raccontato la vicenda del figlio John, sottolineandone naturalmente la natura miracolosa e la valenza morale. 

Il produttore DeVon Franklin, uomo di dichiarata fede e fra più influenti giovani executive di Hollywood, ha poi trasformato il progetto in un coming age su un adolescente che vive nei sobborghi e gioca a basket (da cui, immaginiamo, la presenza di Stephen Curry fra i produttori esecutivi) e soprattutto nel ritratto di una piccola comunità unita dalla fede.

Protagonisti del film non sono solamente John e i suoi genitori, interpretati dal portoricano Marcel Ruiz (il vero John Smith, però, è originario del Guatemala), dalla Chrissy Metz di This Is Us e da Josh Lucas, ma tutte le persone coinvolte dalla vicenda apparentemente inspiegabile, dal carismatico pastore Jason Noble (interpretato da Topher Grace) ai medici di primi soccorso e dell'ospedale. 

Attrice a inizio carriera e per lungo tempo regista di serie tv, tra cui la stessa This Is Us, oltre a The Americans, House of Cards, Bates Motel, Agents of S.H.I.E.L.D., The Good Wife, Roxanne Dawson ha diretto con Atto di fede il suo primo film per il cinema. Cercando di aderire il più possibile alla storia originale, ha dichiarato di aver voluto raccontare non tanto il miracolo in sé (del quale nel film non viene messa in dubbio la natura divina, in barba alla scienza e ad altri casi più incredibili...) quanto il suo effetto sulle persone vicine a John: «Ciò che rendeva questa storia degna di essere raccontata è il fatto che il miracolo è solo l'inizio. Il modo in cui le persone cambiano e in cui l'evento segna le loro esistenze: questo è il vero senso del ritorno alla vita di John».  TORNA ALLA HOME PAGE