SHERLOCK GNOMES Aprile:  sabato 28, domenica 29:ore 18,30 Maggio: sabato 5: ore 16,30 // domenica 6: ore 18,30

 

SHERLOCK GNOMES

 

Una nuova divertentissima parodia letteraria prende forma in Gnomeo & Giulietta: Sherlock Gnomes, sequel dell'originale film d'animazione che rivisita in chiave comica e cartoon la tragedia shakespeariana.

Partiti in luna di miele sul romantico tagliaerba nuziale, Gnomeo e Giulietta tornano nei giardini monumentali di Lady Montecchi e Lord Capuleti per vivere per sempre felici e contenti.

Ma sulle decorazioni da giardino della capitale inglese incombe una nuova terribile minaccia: alcuni gnomi cominciano a sparire senza lasciare traccia. L'unico abbastanza astuto da rintracciare e riportare indietro gli ornamenti rapiti è il famigerato detective Sherlock Gnomes. Il segugio di terracotta, meno brillante e più goffo della controparte letteraria, unirà le forze con i due protagonisti e il fidato assistente Watson per risolvere il mistero che turba gli abitanti di Verona Drive e gli gnomi di tutta Londra.

 

GENERE: Animazione

 

REGIA: John Stevenson

 

ATTORI: James McAvoy, Mary J. Blige, Michael Caine, Johnny Depp, Chiwetel Ejiofor, Emily Blunt

 

DURATA: 86 Min

 

CRITICA: un sequel che supera l'originale per fantasia e divertimento.

Gnomeo e Giulietta arrivano a Londra, in compagnia di amici e parenti. C'è un nuovo giardino da far vivere e Giulietta si mette subito al lavoro, senza curarsi di star trascurando il suo Gnomeo, che per lei farebbe qualsiasi cosa. Ma le creature ornamentali d'Inghilterra sono vittime di una terribile minaccia: qualcuno sta rubando gli gnomi da giardino e la comunità dei due amanti finisce presto nel sacco. Per fortuna che c'è Sherlock Gnomes, detective senza pari, pronto a mettersi da subito sulle tracce del nemico. Anche Sherlock, però, deve stare attento a non trascurare il suo fido aiutante Watson: dare l'amore o l'amicizia per scontati può innescare spiacevoli conseguenze.

Un breve prologo ribadisce la natura letteraria classica del sequel che stiamo per vedere, ventilando e scartando furbescamente una decina di idee, a dimostrazione dell'inesauribilità del potenziale narrativo e dell'estrema adattabilità degli gnomi da giardino, i quali, al secondo film, si propongono dunque come nuovi Puffi: perfetti personaggi da franchise, cucinabili un po' in tutte le salse.

Dopodiché l'avventura entra nel vivo, e il passaggio dalla commedia musicale di "Gnomeo e Giulietta" all'action di questo secondo capitolo si rivela subito una scelta felice: nel primo film, infatti, l'ambientazione confinata al prato del giardino suscitava la claustrofobia, la babele dei dialetti sfiorava la cacofonia assordante e la commedia ad ogni costo lasciava sfiniti per lo sforzo.

Sherlock Gnomes , invece, offre tutt'altra esperienza, divertente e movimentata, assestata su una lingua più neutrale e simpatica (l'inglese dello gnomo detective, nel doppiaggio italiano, è l'equivalente del francese di Clouseau) e impreziosita dalla presenza di un cattivissimo degno di questo nome: Moriarty, potente signore del crimine e nemesi letteraria del detective di Baker Street, qui trasfigurato in un folle addobbo, mascotte di una marca di torte e motore assoluto dell'avventura. 

                                                                                  TORNA ALLA HOME PAGE